;

Chi non sta al merito, non merita di fare il sindaco

L’ex sindaco e candidato Giorgio Guazzaloca ieri ha attaccato la nostra Giunta per aver concesso incentivi ad immigrati che lasciano strutture di accoglienza temporanee per andare ad abitare in una casa in affitto. Guazzaloca sostiene, nientemeno, che è “razzismo all’incontrario“.

Gli ho risposto, come mia abitudine, nel merito. Ho spiegato che si tratta di finanziamenti ministeriali destinati all’inserimento abitativo proprio degli immigrati, che Bologna come molte altre città ha richiesto. Dunque fondi già vincolati a quell’uso.
Li abbiamo destinati ad aiutare il processo di superamento di strutture temporanee d’accoglienza, che come noto finiscono per essere fonte di insicurezza e degrado, lasciateci in non gradita eredità proprio dalla Giunta di Guazzaloca. Dunque aiutando gli immigrati che ne avevano titolo per conseguire un risultato utile a loro e a tutta la città: sicurezza attraverso integrazione.

L’elenco delle aree e delle strutture “bonificate” durante questo mandato è impressionante e mi piacerebbe che qualcuno si prendesse la briga di riportarlo. Eliminato l’abusivismo edilizio delle vie Roveretolo, Benazza, Peglion. Chiuso il Ferrhotel, e successivamente Villa Salus, e così pure le strutture temporanee dell’ex Ada Negri e del Piratino. Liberato e trasformato in parco pubblico il Lungo Reno. Chiusi i campi profughi di S. Caterina di Quarto, Pianazze e Trebbo di Reno. E presto toccherà alla struttura di via Stalingrado.

A questo punto, un minimo di onestà intellettuale imporrebbe a Guazzaloca di riconoscere di aver detto una sciocchezza. Ma lui, invece, rilancia come se fosse al bar: “si comportano come bambini scoperti a rubare la marmellata”. Confesso di essere tentato di rispondergli sulla stessa lunghezza d’onda, ma mi freno, perchè credo che gli elettori ci chiedano di essere seri, di rispondere delle nostre azioni nel merito. Come ho fatto io. Come non ha fatto, ancora una volta, Giorgio Guazzaloca.

Print Friendly, PDF & Email
Ti piace? Condividi:

, Politica locale, Servizi sociali

Comments are closed.