Dobbiamo guardare avanti e non indietro

12 marzo 2018 Partito Democratico

La netta sconfitta elettorale impone al nostro partito una seria riflessione.

E’ vero che i nostri governi hanno consentito all’Italia un netto miglioramento di tutti gli indicatori economici e il varo di riforme importanti, come è vero che abbiamo fatto degli errori e mancato alcuni obiettivi cruciali come la riforma costituzionale. Accanto a queste consapevolezze, auspichiamo fin d’ora un dibattito sul merito politico delle questioni, e capace di evitare facili scappatoie e tentazioni pericolose.

Invitiamo quindi a guardare al di là dei problemi della comunicazione e dei social, delle analisi sulla evidente disponibilità del corpo elettorale a cambiare il proprio voto o sul divario fra apparenza e realtà; a non focalizzare il dibattito solo sulle alchimie delle alleanze, sulla ricerca di risposte in un generico civismo, sugli appelli al recupero del radicamento territoriale, nei richiami all’unità della sinistra.

Soprattutto, mettiamo in guardia dalla tentazione di un ritorno al passato, che vediamo emergere e che riteniamo sbagliata e pericolosa. Non c’è una tradizione rassicurante su cui ripiegare, la nostalgia di stagioni passate non è una porta per il futuro, ed anche l’auspicio di ricomposizioni ha poco senso se non nella condivisione di una chiara prospettiva politica.

La nostra sconfitta non è dovuta al fatto che ci siamo spinti troppo oltre sulla strada di un nuovo riformismo, ma piuttosto dipende dal non esserci riusciti fino in fondo. Oppure da obiettivi dichiarati cui non siamo riusciti a far corrispondere una realizzazione all’altezza delle attese ed un’adeguata efficacia nell’incidere sulla realtà.

Noi siamo convinti che il futuro del PD vada cercato nella capacità di essere (e di essere percepiti come) un potente fattore di cambiamento e di innovazione. Quindi non dobbiamo tornare indietro, ma andare avanti con coraggio.

Vale a livello nazionale, e non solo. Buona riflessione a tutti noi.

Giuseppe Boschini, Alessandro Cardinali, Gian Luigi Molinari, Lia Montalti, Giuseppe Paruolo, Giorgio Pruccoli, Manuela Rontini, Ottavia Soncini, Katia Tarasconi, Marcella Zappaterra, Paolo Zoffoli (consiglieri regionali PD Emilia-Romagna)

Print Friendly, PDF & Email
Ti piace? Condividi:

, Partito Democratico

Comments are closed.