;

40 anni dal 2 agosto 1980

2 Agosto 2020 Memoria

Il 2 agosto 1980 è una data che non possiamo dimenticare e che vogliamo ricordare. Ognuno di noi ricorda perfettamente dov’era quel giorno e cosa faceva. Vale anche per me, che avevo compiuto 18 anni da pochi giorni. Un avvenimento tragico che contiene un disvelamento, per cui c’è un prima e c’è un dopo.

Un disvelamento terribile anzitutto, perché c’era chi era disposto a fare una strage pur di perseguire un proprio oscuro disegno. Volevano uccidere noi, ognuno di noi, perché poteva capitare a chiunque di noi di essere lì in quel momento.  Nello stare vicino ai familiari delle vittime, ricordiamocelo sempre, potevamo essere noi. E dunque non ci sono parole per esprimere lo sdegno e il bisogno che la verità venga fatta fino in fondo, illuminando tutto fin nei particolari. Lo dobbiamo alle vittime, ai loro familiari, lo dobbiamo a noi stessi.

Al tempo stesso è stato un disvelamento anche in positivo, di una città capace di soccorrere, essere solidale, di reagire nel modo giusto a quella terribile offesa. In questi giorni abbiamo letto testimonianze che ci hanno raccontato dei soccorsi, della solidarietà grande e spontanea di questa città. Siamo qui per ricordare Fausto e Francesco, i tassisti uccisi, ma ricordiamo anche i tassisti che si sono prodigati nei soccorsi, insieme a tutti gli altri – dai tramvieri ai sanitari, fino ai semplici cittadini – in quelle ore terribili. Mi piace ricordare che proprio da quella terribile esperienza è nato il 118, che è oggi uno dei punti di forza del nostro sistema sanitario di cui andiamo giustamente orgogliosi.

Questo cuore e questa capacità solidale sono elementi costitutivi di Bologna e dell’Emilia-Romagna, ed è su questi che – mentre facciamo memoria delle vittime della strage della stazione – fondiamo il ricordo e la determinazione ad andare avanti.


Sintesi del mio saluto durante la cerimonia a ricordo dei tassisti rimasti uccisi nella strage, presso la sede di Cotabo, il 2 agosto 2020. Di seguito il video del mio intervento.

Print Friendly, PDF & Email
Ti piace? Condividi:

, Memoria

Comments are closed.