Vaccini: siamo tornati al 97% di copertura

25 Ottobre 2019 Sanità

Nel novembre 2016 la Regione, prima nel Paese, aveva approvato la legge sull’obbligo vaccinale per l’iscrizione a nidi e materne, aprendo la strada al successivo obbligo nazionale. Ne avevo già parlato in questo post e in un articolo uscito sul Mosaico.

Grazie a questa legge, la copertura vaccinale per i bambini di due anni che frequentano l’asilo nido ha toccato quota 97%. Al 30 giugno, per le profilassi rese obbligatorie dalla legge regionale (difterite, tetano, poliomielite ed epatite B) ci sono dati in crescita in tutte le province. Aumentano anche i numeri legati alle vaccinazioni obbligatorie previste dalla legge nazionale: oltre a pertosse ed emofilo di tipo B, è positivo anche l’andamento del gruppo morbillo, parotite e rosolia (Mpr), oggi al 96,5%, mentre, a fine 2015, era all’87%. Valori positivi anche per le vaccinazioni solo raccomandate, vicini a fine giugno al 95%.

Già al 31 dicembre 2018 avevamo superato il muro del 95%, cioè la soglia raccomandata dall’Organizzazione mondiale della sanità per garantire la cosiddetta “immunità di gregge”, l’aggiornamento al 30 giugno scorso sui bambini nati nel 2016 (il dato sulla fascia dei 2 anni è quello su cui si basano le rilevazioni ministeriali) mostra numeri inequivocabili: nel primo semestre dell’anno tutte le coperture in Emilia-Romagna si sono ulteriormente alzate: poliomielite 97,4%; difterite 97,3%; tetano 97,4%; pertosse 97,3%; epatite B 97,2%; emofilo B 96,6%; morbillo-parotite-rosolia (MPR) 96,5%.

Bene anche le vaccinazioni non obbligatorie, ma solo raccomandate, in deciso aumento e sempre più vicine al 95%: per il meningococco C si passa dal 92,1% di copertura al 31 dicembre 2018 al 94,5% del 30 giugno 2019, per lo pneumococco dal 93,8% al 94,9%.

E per rafforzare ulteriormente questo percorso, la Regione ha deciso di rendere gratuita la vaccinazione contro il meningococco di tipo B (non obbligatoria, ma raccomandata) anche per i bambini nati nel 2014, 2015 e 2016, cioè quelli in età da scuola materna. Per i nati dal 2017 in avanti, infatti, la Regione aveva già introdotto la gratuità. Un modo per incentivare la vaccinazione nella fascia d’età, tra 0 e 6 anni, che è la più a rischio per la meningite di tipo B.

Questo provvedimento consentirà ai genitori di risparmiare 100 euro: la vaccinazione prevede infatti 2 dosi dal costo di 50 euro l’una (tariffa che peraltro la Regione in passato aveva deciso di ridurre rispetto a quella prevista per gli adulti che è di 80 euro). La gratuità è prevista sia per chi deve iniziare il ciclo vaccinale, sia per chi deve completarlo con la seconda dose. Le famiglie interessate devono chiamare l’Azienda sanitaria di competenza, che fisserà l’appuntamento.

Print Friendly, PDF & Email
Ti piace? Condividi:

Sanità

Comments are closed.